Make your own free website on Tripod.com

MARTINA

Ricordo di un "amoruccio"...scrive Martina, dimenticando che qualsiasi sentimento faccia vibrare la nostra anima ha sempre un posto d'onore nella nostra vita.

 

 


ANNO 1998

LUNA 

Sai luna, la tua pallida luce ancor più mi rattrista perchè almeno il buio delle tenebre mi nasconde e, invisibile, posso spiare il mio amore. E' dolcemente addormentato come un angelo disteso su una nuvola, sono sicura che sta sognando la sua amata. Di questo sono triste solo in parte perchè so che almeno lui è felice, non importa se non mi ama, solo la sua felicità importa.


 

30 aprile 1998

Lacrime, solo loro che da quando mi hai rifiutato cullano le mie ore mentre la tristezza mi assale e si prende gioco di me. Non posso fare molto per piacerti, non posso cambiare, così come non posso cancellare ciò che provo per te. Non ti chiedo poi molto, solo timidamente di accorgerti che esisto e che ti voglio bene. So che per te quel bacio non avuto alcun significato ma ha contribuito ad aumentare il dolore che ho dentro perchè so che per te sono meno di niente. Spero di riuscire a cancellare il mio amore per te anche se n0n riuscirò a scacciarti dai miei ricordi, sei troppo importante e la mia vita senza te sarebbe stata vuota.


22 maggio 1998

Basta. E' da quando ti conosco che soffro e ho il cuore in frantumi. Intorno a me tutto è tenebra, non ho la forza di pensare a niente perchè il tuo ricordo mi annebbia la mente. non so che fare, il mio cuore è diviso e non sa se odiarti o amarti. Come decidere? So che a te non interessa, ma è solo colpa tua se ora mi ritrovo vuota e triste.


18 maggio 1998

Possono i miei occhi aver visto

Qualcosa di più bello di te?

Possono le mia labbra aver

Baciato l'oro sul tuo viso?

Possono le mie insignificanti mani

Aver toccato le tue?

No, tutto questo è solo un sogno

Un unico, bellissimo, indimenticabile sogno!


 

Notte d'agosto 2002 ( ...San Lorenzo, io lo so perchè tanto di stelle arde e cade...)

Luce effimera e solitaria,

lacrima che giungi quasi

a sfiorarmi la guancia,

esaudisci i desideri di 

una notte piena di speranza.

Sii svelta,

mostrati luminosa

ai miei occhi,

tra poco il sole sorgerà,

io non potrò 

scorgere più la tua scia

e i miei sogni si dissolveranno

con le prime luci dell'alba.


 

 

   e-mail (Martina)